Articolo 12. Riconoscimento delle sentenze penali straniere. Alla sentenza penale straniera pronunciata per un delitto può essere dato riconoscimento:

1) per stabilire la recidiva o un altro effetto penale della condanna, ovvero per dichiarare l’abitualità o la professionalità nel reato o la tendenza a delinquere;

2) quando la condanna importerebbe, secondo la legge italiana, una pena accessoria;

3) quando, secondo la legge italiana, si dovrebbe sottoporre la persona condannata o prosciolta, che si trova nel territorio dello Stato, a misure di sicurezza personali;

4) quando la sentenza straniera porta condanna alle restituzioni o al risarcimento del danno, ovvero deve, comunque, esser fatta valere in giudizio nel territorio dello Stato, agli effetti delle restituzioni o del risarcimento del danno, o ad altri effetti civili.

Per farsi luogo al riconoscimento, la sentenza deve essere stata pronunciata dall’Autorità giudiziaria di uno Stato estero col quale esiste trattato di estradizione. Se questo non esiste, la sentenza estera può essere ugualmente ammessa a riconoscimento nello Stato qualora il Ministro della giustizia ne faccia richiesta. Tale richiesta non occorre se viene fatta istanza per il riconoscimento agli effetti indicati nel n. 4.

Condividi questa pagina Condividila ai tuoi amici e colleghi


Articolo 1. Reati e pene: disposizione espressa di ...

Continua a leggere

Articolo 2. Successione di leggi penali. Nessuno p ...

Continua a leggere

Articolo 3. Obbligatorietà della legge penale. La ...

Continua a leggere

Articolo 4. Cittadino italiano. Territorio dello S ...

Continua a leggere

Articolo 5. Ignoranza della legge penale. Nessuno ...

Continua a leggere

Articolo 6. Reati commessi nel territorio dello St ...

Continua a leggere


< Torna indietro