1. L’impresa già autorizzata all’esercizio di uno o più rami vita o danni che intende estendere l’attività ad altri rami indicati nell’articolo 2, commi 1 o 3, deve essere preventivamente autorizzata dall’ISVAP. Si applica l’articolo 14, comma 2.

2. Per ottenere l’estensione dell’autorizzazione, l’impresa dà prova di disporre interamente del capitale sociale o del fondo di garanzia minimo previsto per l’esercizio dei nuovi rami e di essere in regola con le disposizioni relative alle riserve tecniche, al margine di solvibilità ed alla quota di garanzia. Qualora per l’esercizio dei nuovi rami sia prescritta una quota di garanzia più elevata di quella posseduta, l’impresa deve altresì dimostrare di disporre di tale quota minima.

3. Le disposizioni del presente articolo si applicano anche nel caso in cui l’impresa, dopo aver ottenuto un’autorizzazione limitata ai sensi dell’articolo 13, comma 2, intenda estendere l’esercizio ad altre attività o rischi rientranti nei rami per i quali è stata autorizzata in via limitata.

4. L’ISVAP determina, con regolamento, la procedura per l’estensione dell’autorizzazione ad altri rami e il contenuto del programma di attività.

5. L’impresa non può estendere l’attività prima dell’adozione del provvedimento che aggiorna l’albo, del quale è data pronta comunicazione all’impresa medesima.

Condividi questa pagina Condividila ai tuoi amici e colleghi


1. Agli effetti del codice delle assicurazioni pri ...

Continua a leggere

1. Nei rami vita la classificazione per ramo è la ...

Continua a leggere

1. La vigilanza ha per scopo la sana e prudente ge ...

Continua a leggere

1. Il Ministro delle attività produttive adotta i ...

Continua a leggere

1. L’ISVAP svolge le funzioni di vigilanza s ...

Continua a leggere

1. L’ISVAP esercita le funzioni di vigilanza ...

Continua a leggere


< Torna indietro