Articolo 15. Il valore delle cause relative a beni immobili è determinato moltiplicando il reddito dominicale del terreno e la rendita catastale del fabbricato alla data della proposizione della domanda: per duecento per le cause relative alla proprietà; per cento per le cause relative all’usufrutto, all’uso, all’abitazione, alla nuda proprietà e al diritto dell’enfiteuta; per cinquanta con riferimento al fondo servente per le cause relative alle servitù.

Il valore delle cause per il regolamento di confini si desume dal valore della parte di proprietà controversa, se questa è determinata; altrimenti il giudice lo determina a norma del comma seguente.

Se per l’immobile all’atto della proposizione della domanda non risulta il reddito dominicale o la rendita catastale, il giudice determina il valore della causa secondo quanto emerge dagli atti, se questi non offrono elementi per la stima, ritiene la causa di valore indeterminabile.

N.B.: Articolo così sostituito dalla L. 30 luglio 1984, n. 399.

Condividi questa pagina Condividila ai tuoi amici e colleghi


Articolo 1. La giurisdizione civile, salvo special ...

Continua a leggere

Articolo 2. La giurisdizione italiana non può esse ...

Continua a leggere

Articolo 3. La giurisdizione italiana non è esclus ...

Continua a leggere

Articolo 4. Lo straniero può essere convenuto dava ...

Continua a leggere

Articolo 5. La giurisdizione e la competenza si de ...

Continua a leggere

Articolo 6. La competenza non può essere derogata ...

Continua a leggere


< Torna indietro